ItalianoEnglish

14) Noluntas

(Data inizio 23 Luglio 2013 e in lavorazione)

«il silenzio è la condizione propria della bellezza, come la calma di un mare tranquillo».(1)

dove c’è azione ci sono opinioni in lotta . Le immagini che forse preferisco sono quelle in cui nulla succede. In cui non vi accade nulla. Il mio pensiero vaga nel silenzio e nel vuoto.
nell’ Astrazione.

Per Arthur Schopenhauer :  L’arte è lo strumento che permette di raggiungere momentaneamente la noluntas,
ossia la liberazione dal dominio dei desideri: grazie all’opera d’arte, infatti, sia nell’artista che nello
spettatore, i soggetti dimenticano se stessi, la propria corporeità, di modo che la volontà di vivere ci attraversi
senza incidere sulla materialità. (3)

Secondo Giordano Bruno, la vera creazione artistica si fonda su questo procedimento analogico:

Per conseguire dunque un’arte perfetta e compiuta, bisogna che tu ti unisca all’anima del mondo
e viva unito con essa che, piena di principî razionali per naturale fecondità, genera un mondo
pieno di simili principî. E questi principi, (come anche Plotino comprese) plasmano e dan forma
a tutte le cose nei semi, come se fossero piccoli mondi. Dal momento che l’anima è presente ovunque,
(…) per questo in base alla conformazione della materia tu potresti scorgere in ogni cosa, benché
piccola e incompleta, il mondo, e a maggior ragione il simulacro del mondo, sì che non senza motivo
possiamo affermare con Anassagora che tutto è in tutto. (3)

Note:
1) Friedrich Schelling, in “Filosofia dell’ Arte”
2) da Wikipedia, l’ enciclopedia libera, alla voce “Filosofia dell’ Arte”
3) Silvia Pegoraro. Il Simbolo nell’ Arte. Mito, segno, arte. Riflessioni.it/Utilità/enciclopedia